Archivio mensile:aprile 2016

ESCURSIONE RIF. MONTE SERNIO E CRETA DI MEZZODI

AGGIORNAMENTO: causa condizioni meteo l’escursione al Rifugio Monte Sernio è RIMANDATA A DOMENICA 15 MAGGIO

Domenica 15 maggio 2016 Festa di apertura stagione escursionistica estiva al RIFUGIO MONTE SERNIO con salita alla Creta di Mezzodì; e dopo ci aspetta una buona pastasciutta e dolci in Rifugio.
Festa ideata, e per tanti anni organizzata, da un nostro socio Roberto Fantin che ricordiamo nel 30° della prima.
E adesso portata avanti dalla sorella Giliana che ringraziamo.

 Siete tutti invitati a partecipare. Per motivi organizzativi si richiede conferma alla segreteria (0433 466446 o via mail a info@caitolmezzo.it) entro venerdì 13 maggio.

Per descrizione dettagliata aprire la locandina:   Festa di Apertura al Rif.Palasecca

Roberto Fantin

Roberto Fantin

Rif. M. Sernio

Rifugio Monte Sernio (Palasecca)

M. Sernio

Monte Sernio

 Rif. il giorno 28-04-2016

Rif. il giorno 28-04-2016

Foto di gruppo
50 F. Gruppo

 

Relazione della giornata:

Eravamo una trentina all’apertura della stagione escursionistica al Rif. Monte Sernio, e a ricordare il nostro caro socio Roberto Fantin, ideatore della festa.
Partenza da Tolmezzo alle ore 8.00, parcheggiate le auto ai  Stavoli Chiampees sopra Lovea, ognuno di noi ha infilato qualcosa nello zaino per contribuire al trasporto delle vettovaglie.
Arrivati in rifugio un gruppo è salito sulla cima della Creta di Mezzodì, Giliana e alcune signore hanno iniziato ad allestire la sala da pranzo affettando salumi e tagliando formaggio, mentre Federico Scalise ha incominciato la preparazione di una succulenta e deliziosa pasta, il gruppo rimasto si è dato da fare a tagliare, spaccare e accatastare legna.
Alle 12.30 tutti a tavola in allegria, gustando le prelibatezze, e raccontando aneddoti e ricordi passati.
Un ringraziamento speciale a tutti coloro che hanno lavorato per la buona riuscita della festa e alle signore che a casa hanno preparato dolci e varie squisitezze grazie.

Galleria fotografica

 

ESCURSIONE RICOVERO IGOR CRASSO

Note:
Dislivello salita     1321 m
Dislivello discesa 1211 m
Quota max           1668 m
Quota min              481 m

Domenica 24 aprile 2016 simpatica escursione ad anello da Stolvizza a sella Buia – Ricovero Igor Crasso, e rientro per stavoli di Pusti Gost.

1Sorgente di acqua prima del Ricovero

Ricovero Igor CrassoRicovero Igor Crasso

Per orari, ritrovi, e descrizione leggere la locandina:Esc. Ricovero Igor Crasso REGOLAMENTO ASCA

Relazione della giornata:

È in programma l’escursione da Stolvizza al Ric. Igor Grasso il meteo non promette niente di buono ma presso la sede CAI ci ritroviamo in nove che non vogliono passare la domenica sul divano e così alle 7.30 con in testa la coordinatrice Mirella (ex residente di Sella Buia) e l’apprendista Sandra partiamo per Stolvizza.
Parcheggiamo e partiamo salendo lungo il sentiero della Vertical Kilometer che sale a fianco del rio Lomming ammirando le cascate e le sue acque di un bel colore verde lungo tutto il sentiero è tutta una fioritura di Genziane, Primule odorose, Orecchie d’orso, Rododendro nano e molte altre.
Subito dopo aver incrociato il sentiero 643 che sale da Ladina incominciano a cadere i primi fiocchi di neve aumentando sempre di più man mano che ci alzavamo di quota.
E così con qualche folata di vento e un po’ di neve raggiungiamo il Ric. Igor Crasso breve pausa per rifocillarsi riprendiamo il cammino per gli stavoli di Pusti Gost con un pò di rammarico per il mancato panorama.
Arrivati a Pusti Gost ammiriamo gli stavoli ristrutturati o in fase di ristrutturazione situati in una bella conca disseminata di massi, di varia dimensioni e dove su uno di questi è posta una statua della Madonna.
A questo punto vediamo se è il caso di accorciare il percorso poiché il tempo non era dei migliori, ma le coordinatrici sono state irremovibili nel proseguire come da programma dicendo che un po’ di nevischio e un po’ di pioggia non è la fine del mondo.
Senza altri indugi prendiamo il sentiero che ci ricongiunge con il 643 incrociato in salita e che ci porterà alla località di Ladina e da qui a Stolvizza dove come il solito alla fine delle nostre escursioni ci sono i dolci di Mirella (questa volta rotoli con nocciola e fragole) e fra una fetta e l’altra concordavamo che nonostante il tempo avevamo passato una bella domenica in compagnia.

Foto di gruppo

Foto di gruppo

Galleria fotografica

ESC. STRADA ROMANA da CERCIVENTO – CLEULIS – TIMAU – MOSCARDO

Domenica 10 aprile escursione in zona, per ammirare i resti della strada romana ancora ben conservati.

1 2

 

 

 

 

 

 

 

Per i dettagli leggere la locandina: 5 Strada Romana REGOLAMENTO ASCA

Foto di gruppo
0 Foto di gruppo

Relazione:
“STRADA ROMANA”: CERCIVENTO – CLEULIS – TIMAU – MOSCARDO

La bella giornata primaverile ha favorito questa “insolita” escursione, con meta non un percorso classico o una celebre cima, ma un itinerario sulle orme dei nostri antenati: dai legionari romani diretti al Norico ai cramârs, che andavano per le “gjermanie” in cerca di fortuna.

A questo revival storico abbiamo risposto in 33, provenienti da tutta la Carnia, dal Canal del Ferro e dalla Valcanale. Un bel gruppo che, dopo aver ammirato i mosaici della “bibbia a cielo aperto” di Cercivento, si è sgranato in fila compatta lungo i prati di Cercivento sino a portarsi a Ramazàs, inizio della salita. Da qui il simpatico “serpentone” ha iniziato a calpestare i ciottoli e le lastre calcaree della cosiddetta “Via Romana”, che presenta ancora ben visibili i segni lasciati dai pesanti carri a due ruote. Sosta alla cappelletta di S.M. dei Viandanti per ricompattare il gruppo ed in breve si scollina per scendere a Placcis, dopo aver ammirato alcuni stavoli restaurati con buon gusto. Discesa su strada asfaltata sino a fondovalle e poi su sentiero sin nella piana di Timau per l’allegra sosta pranzo.
Assaggia questo, prova quest’altro… la solita “generosità”… che si è concretizzata appieno ad Enfretôrs, alla fine della piacevole escursione, con torte (grazie Mirella… puoi… insistere!) e degustazione di ottimi vini (con il … “sacrificio” degli autisti”!).

 

Galleria fotografica: