Archivio mensile:aprile 2014

DOMENICA 27 APRILE 2014 AL RIFUGIO M. SERNIO

Domenica 27 aprile 2014 vi aspettiamo in tanti alla festa di apertura della stagione escursionistica al Rifugio M.Sernio con pastasciutta per tutti e  …..  (in base alla generosità dei partecipanti)

Scarica Loc.Rif. M. Senio 2014

Foto primav1Foto Polasecca per locandineerile del rifugi

 

 

 

 

 

Mercoledì 23 aprile un gruppo di volontari è salito al rifugio per fare manutenzione:
spalare la neve, ripristinare l’acquedotto e le staccionate.
Alcune foto dei lavor
i.

 
IMG_6326 012 014 IMG_6317 IMG_6321 IMG_6322 IMG_6323018

 

 Ecco la relazione della festa di apertura al Rif. M. Sernio del 27 aprile e
galleria foto.

 

Come sempre all’inizio di un nuovo anno di attività escursionistica i soci della sezione di Tolmezzo si danno appuntamento per salire al loro Rifugio Monte Sernio posto in località Palasecca di Sopra (Lovea).
Quest’anno nonostante le previsioni meteo molto sfavorevoli (persino l’allarme meteo della Protezione Civile) c’erano circa venti persone.
Verso le ore 8.30 con a capo gli indomiti Past Presidents Aldo e Diego si parte dalla località Stavoli Chiampees.
La salita è un po’ faticosa per la notevole umidità atmosferica però non piove. Il paesaggio è suggestivo, attraversando la zona di Pinees l’occhio spazia sopra la forra attraversata dal rio dell’Ambruseit, nuvole chiare coprono le cime delle Crete di Palasecca e del Monte Sernio dalle cui pendici lingue di neve scendono sino al rio coperto nella parte alta da consistenti slavine. Ci accompagna l’allegro rumore dell’acqua che scende a valle e il canto degli uccelli che sentono la primavera.
Arriviamo alla spicciolata al Rifugio. Un gruppo continua per raggiungere la Creta di Mezzodì, altri si ingegnano per riparare la staccionata rovinata dalla neve. La parte importante la svolgono Federico Scalise e la signora Dina incaricati a preparare il pranzo.
Il gruppo degli avventurosi è rientrato, il pranzo è pronto. Una fumante pastasciutta condita con un ragù ottimo e abbondante rallegra il convivio, qualcuno fa il bis e anche il tris. L’atmosfera è allegra, si scherza e si ride, Federico Fior è l’anima dell’allegria e fra un rosso Cannonau troppo vecchio (2001) e un profumato e insuperabile Chardonnay, affetta e decanta una rinsecchita salsiccia. Il tempo allegro passa veloce e alcuni salutano e iniziano a scendere ma altri mi dicono si siano fermati oltre le ore 16.00.

I soci CAI mandano un particolare ringraziamento a Federico Scalise

che si presta, in questi Federico2appuntamenti, con impareggiabile capacità, a preparare deliziosi cibi. Oltre all’ottimo ragù, tre giorni prima in occasione dei lavori di pulizia nel Rifugio aveva preparato per i 7 soci una strepitosa pasta alla macugnaghese.


IMG_6334 006 009 013 015 017 020 024 027 029 118 IMG_6327 IMG_6333

DOMENICA 13 APRILE 2014 ESC. A CASTELMONTE

       Domenica delle Palme abbiamo fatto una bella escursione a Castelmonte. Segue breve relazione, traccia percorso, e foto di gruppo

Puntualmente alle ore 8.00 ci troviamo nei pressi dell’antica chiesetta di Santa Lucia risalente al XV secolo, che sorge fra i vitigni che circondano la piccola borgata di Fragielis. Sotto si estende il torrente Judrio che segna il confine con la Slovenia. Parcheggiate le auto ai bordi di un antico tratturo ci contiamo: siamo in 17, solo 4 di Tolmezzo gli altri sono arrivati da Paluzza, Cedarchis, Paularo, Sutrio etc., tutti desiderosi di partecipare alla S. Messa (Le Palme) che inizierà alle ore 10.00 su al Santuario di Castelmonte.
Verso le ore 8.15 iniziamo l’escursione, dopo un breve tratto sulla carrareccia imbocchiamo il Sentiero Italia. Telefono a Davide che con un secondo gruppo (circa altri 10) partirà da Centa, piccolo nucleo di case che circondano la chiesa dedicata ai santi Pietro e Paolo. Davide mi conferma che sono arrivati, hanno avuto un problema di parcheggio, risolto, stanno iniziando l’escursione, ci ritroveremo a Castelmonte per continuare assieme l’escursione.
La camminata è piacevole e tutti si impegnano per arrivare per tempo alla funzione religiosa. Poco prima di arrivare al borgo medioevale di Castelmonte appare la graziosa chiesetta dei Tre Re (XV secolo) con davanti un maestoso tiglio. Arriviamo al santuario con discreto anticipo e troviamo facilmente posto. All’inizio della S. Messa la chiesa è strapiena e molta gente non riesce a entrare. Alcuni dei nostri hanno avuto una palma da tenere dietro al celebrante (che è il priore del Santuario), un componente del gruppo si trova seduto in posizione strategica in prima fila e il frate animatore gli consegna una sofisticata macchina fotografica con la quale immortala per i frati alcuni momenti della funzione.
Ore 11.20 usciamo di chiesa e troviamo l’altro gruppo con il quale continuiamo verso Marcolino. Lungo il tragitto il numeroso gruppo si sfilaccia, alcuni sono stanchi. Una ragazza porta un grande zaino, in mano sostiene una borsa di plastica piena di candele, con l’altra stringe a se un voluminoso mazzo di ulivo benedetto e la palma che teneva durante la funzione, mi dice che ha fame è stanca, dico: coraggio manca poco per Marcolino (senza più lamentarsi ha camminato ancora oltre mezz’ora).
Ore 12.30 arriviamo a Marcolino, questo borgo rurale era stato ristrutturato per l’agriturismo, produceva anche un ottimo formaggio caprino vincitore alla mostra di Timau, da qualche anno è stato chiuso e abbandonato.
Sosta per la merenda e foto di gruppo.
Federico F. (come al solito) riempie la scena (però questa volta senza le solite barzellette), protagonista è un buon salame del quale ci fa sentire solo il profumo.
Ripreso il cammino dopo due ore si arriva a Fragielis (ore 14.45) qui si aspetta che il gruppo si riunisca, scambio delle impressioni, molti sono stanchi ma contenti e soddisfatti. Un ultimo saluto poi il primo gruppo sale sulle auto, ma il secondo gruppo per arrivare a Centa deve camminare ancora una buona ora.

Informazioni percorso A: lunghezza percorso 25 km
                                                     dislivello salita 1010m 
                                                     dislivelo discesa 994m
                                                     quota max 620m  
                                                     quota min 95m                                            
                                                     tempo cammino senza soste ore 6.08

 Foto di gruppo
Foto_di_gruppo_a_Marcolino

 Gall. foto
032 030 028 022 021 019 017 013 011 010 007 006 036