Link

Sono aperte le iscrizioni per una bella e varia escursione nei d’intorni di Trieste, programmata per domenica 2 Aprile 2017.
Visiteremo le Foibe di Basovizza – Bosco Bazzoni e grotta Nera – Monte Stena – Rose D’inverno – Strada Napoleonica e Monte Grisa.
Iscrivetevi così potremo organizzare la corriera.

Per descrizione dettagliata e modalità di prenotazione leggere la locandina: Esc. Foibe Basovizza-Bosco Bazzani-M. Stena-Rose d’inverno-Strada Napoleonica

Alcuni links per documentarsi

http://www.foibadibasovizza.it/
http://www.gssg.it/bosco-bazzoni/origine-del-bosco-bazzoni/
http://www.riservavalrosandra-glinscica.it/it/vivere-la-riserva/itinerari/stena
https://sites.google.com/site/triestepratica/home/8-pagine-singole-single-pages/pag-63-tav-22-passeggiata-napoleonica
http://www.caixxxottobre.it/gruppo-rose-dinverno/area-rose-dinverno

 

ESCURSIONE CON CASTAGNATA AL RIF. CIMENTI FLOREANINI

Domenica 30 ottobre ultima camminata sezionale della stagione
escursionistica, con meta al nostro rifugio Cimenti Floreanini, per il sentiero di San Ilario e rientro per il sentiero di Cornons.
In Rifugio ci sarà la festa di chiusura, con pranzo e castagnata, siete tutti invitati.
Per motivi organizzativi si richiede conferma alla segreteria (0433 466446 o via mail a info@caitolmezzo.it) entro venerdì 28 ottobre.

rif-cimenti-floreanini

Locandina con programma:
Festa-di-chiusura-2016-con-castagnata-al-cimenti-floreanini

 

ESCURSIONE PERIPLO DELLA VAL ROSANDRA

Sono aperte le iscrizioni, per l’escursione Periplo Della Val Rosandra  di domenica 16 ottobre; speriamo di aver azzeccato la data per ammirare il Sommaco nel suo splendore autunnale.
Affrettatevi così potremo organizzare la corriera.

Le iscrizioni sono ancora aperte, ci sono ancora posti disponibili.

Alcune foto

3-800x674

Monte Concusso

6a-800x318

Sommaco 2015

8-sumaco-lungo-sentiero-m-cucusso-800x391

Sommaco 2015

Come prenotarsi, orari, e dettagli leggere l’opuscolo o stamparlo
Esc Periplo della Val Rosandra

Traccia rilevata con Garmin GPSmap 62s
La traccia è del giro lungo- A-
Il GPS è stato acceso a Crogole quindi bisogna aggiungere circa 1,5 km.

Note tecniche rilevate dal GPS Garmin:

Dislivello +    910 m
Dislivello –    710 m
Quota Max    678m
Quota Min     183m
Lunghezza    18,5 km

Relazione della Giornata:

Domenica 16 ottobre al parcheggi CAI ci siamo ritrovati in 42 un bel gruppo numeroso con soddisfazione degli organizzatori.
Il meteo come da previsioni era bello, però ci ha tenuto in ansia fino all’ultimo, dato, che i giorni precedenti erano brutti.


Alle ore 7.00 il Pullman parte, fa sosta caffè a Duino per arrivare alle 9.15 a Bagnoli; calzato gli scarponi e zaini in spalla ci siamo incamminati per un sentiero inusuale per raggiungere il M. Carso, cioè per la vedetta di Crogole.

20161006_104753-800x600

Dopo 1 ora di cammino arriviamo in cima al M. Carso, sosta obbligata per ammirare il bel panorama sul golfo di Trieste e rifocillarsi dopo la salita.

Ci incamminiamo raggiungendo la Sella del M. Carso, li svoltiamo a destra in direzione di Beka lungo il sentiero nel sottobosco e nelle radure abbiamo ammirato il Sommacco, però non era maturo, non aveva quel bel colore rosso sfumato.

Al paesino di Beka sosta per dissetarsi alla fontana della piazza.

Si attraversa il paese proseguendo fino all’inizio del sentiero dell’amicizia, sostiamo per i pranzo.

Il gruppo si divide, metà prosegue per Botazzo continuando lungo la val Rosandra passando per la Chiesetta di S. Maria in Siaris.

Alcuni più arditi sale al Cippo Comici.

Una sosta ritempro al Rif. Premuda, e via all’appuntamento delle 15.30 con il Pullman a Bagnoli, dove andrà nelle vicinanze di Pesek a prendere l’altro gruppo.

Il gruppo A

img_3348-2-463x800

casello-di-confine

casello-di-confine

Prosegue per sentieri e strade sterrate da Botazzo a Draga S. Elia fino a Pesek, li si attraversa la statale e si continua attraversando vegetazioni di Sommacco fino al Tumulo del M. Cocusso, (Dicono che 30 anni fa si riusciva a vedere il mare, essendo la vegetazione dei pini molto bassa) sosta.

I soliti Triestini

I soliti Triestini

I Carnici, se pure in tanti, con solo una bottiglia di prosecco

I Carnici, se pure in tanti, con solo una bottiglia di prosecco

Si prosegue fino alla meta, cioè il Rif. Sloveno Planinska Koca na Kokosi dove ci aspetta una Lasko o un buon Te a buon prezzo.

Dopo mezzoretta di meritato riposo si continua per stradine e sentieri nel bosco facendo attenzione di non sbagliare nei tanti incroci incontrati, e così in poco più di mezzora siamo arrivati sulla statale dove ci attendeva la corriera.
Nel frattempo i amici del gruppo B avevano imbandito un tavolo, così tutti assieme abbiamo mangiato e brindato in allegria, sono stati molto apprezzati i dolci fatti dalle signore del CAI.

Il viaggio di ritorno è trascorso veloce commentando la giornata escursionistica, e alle 19 eravamo a Tolmezzo.

Segue galleria fotografica:

 

 

Un Link i segreti del Carso  http://www.carsosegreto.it/2009/10/il-sommaco.html

ESCURSIONE MONTE SCHARNIK E MOKARSPITZE – AU

L’escursione del 02-10-2016 viene annullata causa previsioni meteo piovose, zona escursione molto piovosa.

Note tecniche rilevate dal GPS Garmin:

Dislivello +    1532 m
Dislivello –    1389 m
Quota Max    2661m
Quota Min     1485m
Lunghezza       13 km

Domenica 2 ottobre 2016 sconfiniamo nella vicina Austria visitando la valle Kreuzeckgruppe, dal paese di Irschen proseguiamo fino al Rif. Bergheimat, poi alla malga Ochsnerhutte con vastissimi pascoli, da li compiendo un anello toccheremo la vetta del M. SCHARNIK 2655 m proseguendo con vari saliscendi toccheremo varie cimette fino ad arrivare M. MOKARSPITZE 2304 m e di nuovo alla malga.

alcune foto img_2366-800x600

Il sentiero non segnato passa sul profilo di cresta di tutti i monti presenti in foto

Il sentiero non segnato passa sul profilo di cresta di tutti i monti presenti in foto

 

 

Cima M. Scharnik

Cima M. Mokarspitze

Cima M. Mokarspitze

Laghetto sopra la malga

Laghetto sopra la malga

Per la descrizione dettagliata consultate sempre l’opuscolo:
Esc. M. Scharnik e Mokarspitze

L’escursione del 02-10-2016 viene annullata causa previsioni meteo piovose, zona escursione molto piovosa.

ESCURSIONE MONTE GRAPPA

Sono aperte le iscrizioni per l’escursione al Monte Grappa di domenica 25 settembre assieme alla sezione CAI di Dueville (VI) nel ricordo del centenario della 1° Guerra Mondiale.
A illustre il percorso ci sarà la guida storica Gianni Frigo – AE – ONCN.

slider-gg-1

story-1

Per la descrizione dettagliata e modalità di iscrizione consultare la
locandina:  Esc. Monte Grappa

L’escursione è stata annullata per mancanza di partecipanti. Peccato!

ESCURSIONE MONTE MONTANEL

Note tecniche rilevate dal GPS Garmin:

Dislivello +    1559 m
Dislivello –    1478 m
Quota Max    2463m
Quota Min     990m
Lunghezza       14 km

Domenica 11 settembre sconfiniamo verso il Cadore per conoscere il Monte Montanel e i suoi panorami.

Alcune foto:1 2 3 4 5

Per conoscere i dettagli consultare la locandina:  Esc. Monte Montanel

 

Foto di gruppo 1

foto-di-gruppo-1

Relazione della giornata:

Ci ritroviamo come sempre presso la sede CAI in via Val di Gorto alle 6.30 siamo in 12 con due amici del CAI di Moggio ed uno del CAI di San Daniele partenza per Cima Sappada dove ci fermiamo per il caffè e ripartiamo alla volta di Domegge di Cadore svoltiamo verso il lago seguendo le indicazioni per il rif. Padova percorrendo una strada stretta della Val Talagona .
Al bivio per il rif. Cercenà svoltiamo e parcheggiamo nell’ampio spazio del rifugio dove inizia il sentiero che ci porterà alla nostra meta.
Prendiamo il sentiero che parte alla destra del rif. con Federico avanti a fare l’andatura i primi 20 minuti molto tranquilli si arriva ad un bivio svoltiamo a destra seguendo le indicazioni per cima Montanel e qui inizia la salita vera e propria tutta nel bosco sino al Biv. Montanel che si trova alla base dell’omonima cima, monte  Helberg e Crodon di Scodavacca e qui ci ricompattiamo.
Un momento di pausa per dissetarci e ripartiamo imboccando il sentiero che prima tra mughi per poi imboccare un ghiaione proseguiamo a zig-zag fino a raggiungere la sella del Montanel.
Qui il pendio è veramente ripido, si sale dritti fino a raggiungere le rocce.
Adesso proseguiamo tra piccole cenge e roccette, si passa in mezzo a due rocce molto strette con nel mezzo una roccia incastrata che fa da ponte e si arriva al passaggio più scomodo, superatolo si continua facendo molta attenzione a non smuovere sassi raggiungiamo la cima.
Da qui bel panorama a 360° da una parte il Pelmo l’Antelao il Civetta e il lago di Centro Cadore dall’altra Biv. Vaccari forca del Cridola con il Cridola e i Spalti di Toro.
Raggiunti dai ritardatari foto di gruppo e poi piano piano si scende per lo stesso percorso fatto in salita.
Alla sella Montanel ci siamo fermati per mangiare il meritato panino ma al primo boccone è arrivata la pioggia così zaini in spalla e giù al Bivacco dove siamo arrivati assieme al sole, finalmente abbiamo mangiato.
Il ritorno al rif.  Cercenà, l’abbiamo fatto per qualche tratto con la pioggia ma tutto sommato non ci ha disturbato.
Una meritata birra al rifugio e poi l’immancabile torta di Valentino.

Foto di gruppo 2foto-di-gruppo-2

Galleria fotografica

ESCURSIONE MONTE VELTRI E CRET DI PIL

Domenica 4 settembre una bella escursione sui monti di casa nostra, Monte Veltri e Cret di Pil, con panorami lungo la val Tagliamento e la valle del Lumiei.
Alcune foto

1 cret di pil IMG_0494 (800x591) IMG_0502 (600x800)

Per orari e dettagli leggere la locandina:  Esc. M. Veltri e Cret di Pil

Foto di Gruppo

m-1-800x600

Relazione della giornata:

Alle ore 07.30 al ritrovo CAI eravamo in 18 più 4 partiti prima per dare una pulita al sentiero e mettere una corda per facilitare la discesa al Cret di Pil.

Parcheggiate le auto alla forca di Pani, e via con una piccola sosta a M.ga Chiarsò per integrare liquidi, e proseguendo per segnavia 235° (detto troi dai purcis) fino a incontrare il sentiero 235 che ci ha portato alla Forca del Colador.

Ricompattato il gruppo iniziamo la salita al M. Veltri agevolati dalla pulizia fatta dai nostri amici, in cima troviamo un piccolo gregge di pecore della Coop Voltois, e anche la nebbia che iniziava ad avvolgere le due cime.

Scesi nella selletta troviamo i amici che avevano appena sistemata la corda, dando la possibilità a tutti di passare l’ostacolo,

m-18-640x498

e dopo 15 minuti di arrivare in cima al Cret di Pil con i saluti di rito, però un po’ malinconici per la presenza della nebbia che oscurava il bellissimo panorama sulla val Tagliamento e sulla valle del Lumiei.

Rientro con sosta pranzo a metà Colador, un brindisi con botto a M.ga Chiarsò (Federico sa qualcosa).

m-23-640x480

Arrivati in tempo assieme al temporale, al chalet sotto la forca, per un spuntino e torta di Valentino graditissima da tutti, e caffè a Voltois, poi rientro per Ampezzo.

 

Foto di Gruppo 2 m-2-800x532

Galleria fotografica