ESCURSIONE MONTE GRAPPA

Sono aperte le iscrizioni per l’escursione al Monte Grappa di domenica 25 settembre assieme alla sezione CAI di Dueville (VI) nel ricordo del centenario della 1° Guerra Mondiale.
A illustre il percorso ci sarà la guida storica Gianni Frigo – AE – ONCN.

slider-gg-1

story-1

Per la descrizione dettagliata e modalità di iscrizione consultare la
locandina:  Esc. Monte Grappa

ESCURSIONE MONTE MONTANEL

Note tecniche rilevate dal GPS Garmin:

Dislivello +    1559 m
Dislivello –    1478 m
Quota Max    2463m
Quota Min     990m
Lunghezza       14 km

Domenica 11 settembre sconfiniamo verso il Cadore per conoscere il Monte Montanel e i suoi panorami.

Alcune foto:1 2 3 4 5

Per conoscere i dettagli consultare la locandina:  Esc. Monte Montanel

 

Foto di gruppo 1

foto-di-gruppo-1

Relazione della giornata:

Ci ritroviamo come sempre presso la sede CAI in via Val di Gorto alle 6.30 siamo in 12 con due amici del CAI di Moggio ed uno del CAI di San Daniele partenza per Cima Sappada dove ci fermiamo per il caffè e ripartiamo alla volta di Domegge di Cadore svoltiamo verso il lago seguendo le indicazioni per il rif. Padova percorrendo una strada stretta della Val Talagona .
Al bivio per il rif. Cercenà svoltiamo e parcheggiamo nell’ampio spazio del rifugio dove inizia il sentiero che ci porterà alla nostra meta.
Prendiamo il sentiero che parte alla destra del rif. con Federico avanti a fare l’andatura i primi 20 minuti molto tranquilli si arriva ad un bivio svoltiamo a destra seguendo le indicazioni per cima Montanel e qui inizia la salita vera e propria tutta nel bosco sino al Biv. Montanel che si trova alla base dell’omonima cima, monte  Helberg e Crodon di Scodavacca e qui ci ricompattiamo.
Un momento di pausa per dissetarci e ripartiamo imboccando il sentiero che prima tra mughi per poi imboccare un ghiaione proseguiamo a zig-zag fino a raggiungere la sella del Montanel.
Qui il pendio è veramente ripido, si sale dritti fino a raggiungere le rocce.
Adesso proseguiamo tra piccole cenge e roccette, si passa in mezzo a due rocce molto strette con nel mezzo una roccia incastrata che fa da ponte e si arriva al passaggio più scomodo, superatolo si continua facendo molta attenzione a non smuovere sassi raggiungiamo la cima.
Da qui bel panorama a 360° da una parte il Pelmo l’Antelao il Civetta e il lago di Centro Cadore dall’altra Biv. Vaccari forca del Cridola con il Cridola e i Spalti di Toro.
Raggiunti dai ritardatari foto di gruppo e poi piano piano si scende per lo stesso percorso fatto in salita.
Alla sella Montanel ci siamo fermati per mangiare il meritato panino ma al primo boccone è arrivata la pioggia così zaini in spalla e giù al Bivacco dove siamo arrivati assieme al sole, finalmente abbiamo mangiato.
Il ritorno al rif.  Cercenà, l’abbiamo fatto per qualche tratto con la pioggia ma tutto sommato non ci ha disturbato.
Una meritata birra al rifugio e poi l’immancabile torta di Valentino.

Foto di gruppo 2foto-di-gruppo-2

Galleria fotografica

ESCURSIONE MONTE VELTRI E CRET DI PIL

Domenica 4 settembre una bella escursione sui monti di casa nostra, Monte Veltri e Cret di Pil, con panorami lungo la val Tagliamento e la valle del Lumiei.
Alcune foto

1 cret di pil IMG_0494 (800x591) IMG_0502 (600x800)

Per orari e dettagli leggere la locandina:  Esc. M. Veltri e Cret di Pil

Foto di Gruppo

m-1-800x600

Relazione della giornata:

Alle ore 07.30 al ritrovo CAI eravamo in 18 più 4 partiti prima per dare una pulita al sentiero e mettere una corda per facilitare la discesa al Cret di Pil.

Parcheggiate le auto alla forca di Pani, e via con una piccola sosta a M.ga Chiarsò per integrare liquidi, e proseguendo per segnavia 235° (detto troi dai purcis) fino a incontrare il sentiero 235 che ci ha portato alla Forca del Colador.

Ricompattato il gruppo iniziamo la salita al M. Veltri agevolati dalla pulizia fatta dai nostri amici, in cima troviamo un piccolo gregge di pecore della Coop Voltois, e anche la nebbia che iniziava ad avvolgere le due cime.

Scesi nella selletta troviamo i amici che avevano appena sistemata la corda, dando la possibilità a tutti di passare l’ostacolo,

m-18-640x498

e dopo 15 minuti di arrivare in cima al Cret di Pil con i saluti di rito, però un po’ malinconici per la presenza della nebbia che oscurava il bellissimo panorama sulla val Tagliamento e sulla valle del Lumiei.

Rientro con sosta pranzo a metà Colador, un brindisi con botto a M.ga Chiarsò (Federico sa qualcosa).

m-23-640x480

Arrivati in tempo assieme al temporale, al chalet sotto la forca, per un spuntino e torta di Valentino graditissima da tutti, e caffè a Voltois, poi rientro per Ampezzo.

 

Foto di Gruppo 2 m-2-800x532

Galleria fotografica

ESCURSIONE SULLA PONTA LASTOI DE FORMIN

Domenica 28 agosto bellissima camminata con affascinanti panorami sulla Ponta Lastoi de Formin.
Le iscrizioni sono ancora aperte affrettatevi cosi se saremo una ventina andremo tranquillamente in corriera.

Alcune foto

DSCN0006 (2) (800x600) DSCN0007 (2) (800x600) DSCN0014 (2) (800x600) DSCN0015 (3) (800x597)

Come al solito per dettagli leggere la locandina: 11 Esc. Lastoi de Formin

Relazione della giornata:

Domenica 28 agosto 2016 ore 9.00, cielo senza nuvole, aria secca, temperatura gradevole. Il pulmino posteggia presso il ponte di Rucurto.

Ci incamminiamo sul sent. CAI 437 per una stupenda escursione in ambiente dolomitico con panorami molto appaganti, anzi straordinari. Al bivio proseguiamo per il sent. CAI 435. Dopo un tratto con mughi e bosco iniziamo la salita all’ombra del Gruppo Croda da Lago con altissime pareti e torri di roccia filogranata che ad ogni passo comunicano sempre nuove impressioni.

Si sale fra rocce calanchive e detriti, le suole VIBRAM fanno buona presa sulla superfice asciutta e rugosa delle rocce, il gruppo arriva senza intoppi alla Forcella Rossa. Altri 200 mt di dislivello per evidente traccia rimarcata da numerosi ometti, superiamo terrazzamenti e lastronate e la maggior sommità (mt.2657) dei Laston è sotto i nostri scarponi.

Sosta panino con lo sguardo rivolto al panorama bellissimo e di ampio respiro con le più belle montagne delle Dolomiti: Croda del Becco, Croda Rossa, Monte Cristallo, Tre Cime di Lavaredo, Gruppo del Sorapiss, Becco di Mezzodì, Monte Pelmo, Monte Civetta, etc., maestosa e lontana la Marmolada.

A malincuore lasciamo la cima e scendiamo alla Forcella Ambrizzola ove ci attende un panorama unico nel suo genere poiché consente di spaziare su tutta la conca di Cortina d’Ampezzo e delle vette che la circondano che possono essere ammirate nella loro interezza: il Pogamagnon, Tondi di Faloria, Sorapiss, Antelao etc.. Sosta caffè al Rifugio CAI Croda Da Lago cointitolato Palmieri.

Per sentieri CAI 434 e 437 giù al posteggio ove i preziosi Davide e Lino hanno preparato la Merenda Comunitaria e dove ci attende il confortevole pulmino della ditta D’Orlando che ci riporterà a Tolmezzo ma con negli occhi ancora la visione delle belle montagne.

Foto di gruppo

Foto di gruppo

Galleria fotografica:

ESCURSIONE AL MONTE SPIK IN SLOVENIA

Domenica 21 agosto escursione in Slovenia con salita al monte Spik 2472 m. ultimo tratto su roccette di 1° grado superiore;  percorso lungo, impegnativo e faticoso, richiede buon allenamento e passo sicuro.
Alcune foto:

1Rifugio Krnici

Rifugio Krnici

Arrivo in sella poi la 1° cima con ferratina

Arrivo in sella poi la 1° cima con ferratina

2° Cima

2° Cima

Cima M. Spik

Cima M. Spik

Per informazioni dettagliate leggere la locandina: 10° Esc. al Monte Spik

L’escursione è stata annullata per avverse condizioni meteo.

ESCURSIONE MONTE RINALDO

 

Domenica 10 luglio ci sarà la salita al Monte Rinaldo 2473 m, cima poco frequentata in un ambiente selvaggio, però con un panorama portentoso.

Croce di vetta, sullo sfondo il Peralba

Croce di vetta, sullo sfondo il Peralba

Panorama dalla forcella grande sotto il M. Rinaldo

Panorama dalla forcella grande 2222 m

Per orari dislivelli e descrizione leggere la:   Locandina M. Rinaldo

 

Note tecniche rilevate dal GPS Garmin:

Dislivello +    1353 m
Dislivello –    1255 m
Quota Max    2476m
Quota Min     1173 m
Lunghezza       13 km
Tempo in movimento  4.35 ore
Tempo sosta  2.35 ore
Movimento medio 2,9 km/h

Domenica 10 Luglio 2016 – Relazione Escursione Monte Rinaldo (Val Visdende )

Come da previsioni il tempo è stato dalla nostra parte riservandoci una giornata eccezionale in tutti i sensi!
Al punto di partenza, inizio della val Visdende, ci siamo ritrovati in 25 e, vista la meta, un numero di tutto rispetto. Dopo tre ore e mezza ed una bella faticata per la lunghezza del percorso ed al roccioso tratto finale dove il gruppo si è un po’ allungato, in 23 siamo giunti in vetta. Si è dato quindi mano all’interno dello zaino per il giusto e guadagnato ristoro con brindisi di vetta.

Foto di gruppo in vetta…..

Cima foto di gruppo
Dato uno sguardo al meraviglioso panorama a 360° e fatta la foto di gruppo, abbiamo iniziato lentamente e con le dovute cautele la discesa alla Forcella Grande dove il gruppo dei 25 si è ricomposto. In due ore e mezza siamo arrivati al punto di partenza rispettando i tempi di programma e felici di non aver avuto imprevisti di percorso.
A chiusura della stupenda ed appagante escursione non poteva mancare una birra ed una bella fetta di torta preparata dall’amico Valentino e bagnata con un bicchiere di moscato offerto da Gianluca.

Foto di gruppo di fine gita…..

Foto di gruppo al rientro

Varie foto in sequenza………

 

 

.

ESCURSIONE MONTE MUSI CIMA EST

Domenica 19 giugno 2016   Relazione Monte Musi Cima EST

Le previsioni non promettevano niente di buono per il pomeriggio, siamo partiti comunque con fiducia memori del ritiro a ½ percorso dello scorso anno.
A Sella Carnizza ci siamo trovati in 17 e, piano piano, in poco più di 3 ore siamo arrivati tutti in cima.
Il tempo di fare una foto ricordo e ammirare il bellissimo panorama, a causa vento freddo e fastidioso siamo scesi fino al catino con neve a consumare il pranzo al sacco veloce, in quanto si vedevano nubi nere che promettevano pioggia.
Discesa veloce ma con attenzione, il sentiero presentava diverse roccette scivolose, a tratti bagnato; a 10 minuti dal parcheggio abbiamo assaggiato l’acqua della val Resia molto fragorosa.
Anche se bagnati, tutto è andato bene, pronti per gustare una buona birra al bar vicino.

Foto di gruppo
Foto di gruppo

Galleria fotografica:

Come ogni anno, domenica 22 maggio 2016 a Voltois di Ampezzo si svolgerà la 29° Marcia Montanara, “denominata Giro delle Sorgenti”.
Vi aspettiamo in tanti per trascorre  una piacevole giornata in mezzo alla natura.     (speriamo di essere numerosi così vinceremo la coppa del gruppo più numeroso)

 

Chiesa Voltois

1Logo marcia di Voltois 2016

Per orari e dettagli leggere la locandina:   Locandina marcia montanara 2016

Giornata bella soleggiata, con tanti partecipanti (191) e anche tanti spettatori.
9 Partecipanti del CAI di Tolmezzo, quindi in pochi, niente coppa; ci rifaremo il prossimo anno.

 

Galleria fotografica:

Classifica generale categorie C-D-E-F :  Classifica Generale

 

 

ESCURSIONE RIF. MONTE SERNIO E CRETA DI MEZZODI

AGGIORNAMENTO: causa condizioni meteo l’escursione al Rifugio Monte Sernio è RIMANDATA A DOMENICA 15 MAGGIO

Domenica 15 maggio 2016 Festa di apertura stagione escursionistica estiva al RIFUGIO MONTE SERNIO con salita alla Creta di Mezzodì; e dopo ci aspetta una buona pastasciutta e dolci in Rifugio.
Festa ideata, e per tanti anni organizzata, da un nostro socio Roberto Fantin che ricordiamo nel 30° della prima.
E adesso portata avanti dalla sorella Giliana che ringraziamo.

 Siete tutti invitati a partecipare. Per motivi organizzativi si richiede conferma alla segreteria (0433 466446 o via mail a info@caitolmezzo.it) entro venerdì 13 maggio.

Per descrizione dettagliata aprire la locandina:   Festa di Apertura al Rif.Palasecca

Roberto Fantin

Roberto Fantin

Rif. M. Sernio

Rifugio Monte Sernio (Palasecca)

M. Sernio

Monte Sernio

 Rif. il giorno 28-04-2016

Rif. il giorno 28-04-2016

Foto di gruppo
50 F. Gruppo

 

Relazione della giornata:

Eravamo una trentina all’apertura della stagione escursionistica al Rif. Monte Sernio, e a ricordare il nostro caro socio Roberto Fantin, ideatore della festa.
Partenza da Tolmezzo alle ore 8.00, parcheggiate le auto ai  Stavoli Chiampees sopra Lovea, ognuno di noi ha infilato qualcosa nello zaino per contribuire al trasporto delle vettovaglie.
Arrivati in rifugio un gruppo è salito sulla cima della Creta di Mezzodì, Giliana e alcune signore hanno iniziato ad allestire la sala da pranzo affettando salumi e tagliando formaggio, mentre Federico Scalise ha incominciato la preparazione di una succulenta e deliziosa pasta, il gruppo rimasto si è dato da fare a tagliare, spaccare e accatastare legna.
Alle 12.30 tutti a tavola in allegria, gustando le prelibatezze, e raccontando aneddoti e ricordi passati.
Un ringraziamento speciale a tutti coloro che hanno lavorato per la buona riuscita della festa e alle signore che a casa hanno preparato dolci e varie squisitezze grazie.

Galleria fotografica

 

ESCURSIONE RICOVERO IGOR CRASSO

Note:
Dislivello salita     1321 m
Dislivello discesa 1211 m
Quota max           1668 m
Quota min              481 m

Domenica 24 aprile 2016 simpatica escursione ad anello da Stolvizza a sella Buia – Ricovero Igor Crasso, e rientro per stavoli di Pusti Gost.

1Sorgente di acqua prima del Ricovero

Ricovero Igor CrassoRicovero Igor Crasso

Per orari, ritrovi, e descrizione leggere la locandina:Esc. Ricovero Igor Crasso REGOLAMENTO ASCA

Relazione della giornata:

È in programma l’escursione da Stolvizza al Ric. Igor Grasso il meteo non promette niente di buono ma presso la sede CAI ci ritroviamo in nove che non vogliono passare la domenica sul divano e così alle 7.30 con in testa la coordinatrice Mirella (ex residente di Sella Buia) e l’apprendista Sandra partiamo per Stolvizza.
Parcheggiamo e partiamo salendo lungo il sentiero della Vertical Kilometer che sale a fianco del rio Lomming ammirando le cascate e le sue acque di un bel colore verde lungo tutto il sentiero è tutta una fioritura di Genziane, Primule odorose, Orecchie d’orso, Rododendro nano e molte altre.
Subito dopo aver incrociato il sentiero 643 che sale da Ladina incominciano a cadere i primi fiocchi di neve aumentando sempre di più man mano che ci alzavamo di quota.
E così con qualche folata di vento e un po’ di neve raggiungiamo il Ric. Igor Crasso breve pausa per rifocillarsi riprendiamo il cammino per gli stavoli di Pusti Gost con un pò di rammarico per il mancato panorama.
Arrivati a Pusti Gost ammiriamo gli stavoli ristrutturati o in fase di ristrutturazione situati in una bella conca disseminata di massi, di varia dimensioni e dove su uno di questi è posta una statua della Madonna.
A questo punto vediamo se è il caso di accorciare il percorso poiché il tempo non era dei migliori, ma le coordinatrici sono state irremovibili nel proseguire come da programma dicendo che un po’ di nevischio e un po’ di pioggia non è la fine del mondo.
Senza altri indugi prendiamo il sentiero che ci ricongiunge con il 643 incrociato in salita e che ci porterà alla località di Ladina e da qui a Stolvizza dove come il solito alla fine delle nostre escursioni ci sono i dolci di Mirella (questa volta rotoli con nocciola e fragole) e fra una fetta e l’altra concordavamo che nonostante il tempo avevamo passato una bella domenica in compagnia.

Foto di gruppo

Foto di gruppo

Galleria fotografica